Amministrazione trasparente - Consiglio di bacino Venezia Ambiente

Menu amministrazione trasparente

Consiglio di Bacino

Assemblea di Bacino

L'ASSEMBLEA DI BACINO

L'Assemblea di Bacino è l'organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo del Consiglio di Bacino; essa è composta dai Sindaci degli Enti locali partecipanti come riportanto sell'elenco sottostante:

 

1. Sindaco di Annone Veneto (VE): Ada Toffolon

2. Sindaco di Campagna Lupia (VE): Alberto Natin

3. Sindaco di Campolongo Maggiore (VE): Andrea Zampieri

4. Sindaco di Camponogara (VE): Giampietro Menin

5. Sindaco di Caorle (VE): Luciano Striuli

6. Sindaco di Cavallino-Treporti (VE): Roberta Nesto

7. Sindaco di Cavarzere (VE): Henri Tommasi

8. Sindaco di Ceggia (VE): Mirko Marin

9. Sindaco di Chioggia (VE): Alessandro Ferro

10. Sindaco di Cinto Caomaggiore (VE): Gianluca Falcomer

11. Sindaco di Cona (VE): Alberto Panfilio

12. Sindaco di Concordia Sagittaria (VE): Claudio Odorico

13. Sindaco di Dolo (VE): Alberto Polo

14. Sindaco di Eraclea (VE): Mirko Mestre

15. Sindaco di Fiesso d'Artico (VE): Andrea Martellato

16. Sindaco di Fossalta di Piave (VE): Massimo Sensini

17. Sindaco di Fossalta di Portogruaro (VE): Natale Sidran

18. Sindaco di Fossò (VE): Federica Boscaro

19. Sindaco di Gruaro (VE): Giacomo Gasparotto

20. Sindaco di Jesolo (VE): Valerio Zoggia

21. Sindaco di Marcon (VE): Matteo Romanelli

22. Sindaco di Martellago (VE): Monica Barbiero

23. Sindaco di Mogliano Veneto (TV): Carola Arena

24. Sindaco di Meolo (VE): Loretta Aliprandi

25. Sindaco di Mira (VE): Marco Dori

26. Sindaco di Mirano (VE): Maria Rosa Pavanello

27. Sindaco di Musile di Piave (VE): Silvia Susanna

28. Sindaco di Noale (VE): Patrizia Andreotti

29. Sindaco di Noventa di Piave (VE): Claudio Marian

30. Sindaco di Pianiga (VE): Massimo Calzavara

31. Sindaco di Portogruaro (VE): Maria Teresa Senatore

32. Sindaco di Pramaggiore (VE): Fausto Pivetta

33. Sindaco di Quarto d'Altino (VE): Claudio Grosso

34. Sindaco di Salzano (VE): Luciano Bettetto

35. Sindaco di San Donà di Piave (VE): Andrea Cereser

36. Sindaco di San Michele al Tagliamento (VE): Pasqualino Codognotto

37. Sindaco di San Stino di Livenza (VE): Matteo Cappelletto

38.  Sindaco di Santa Maria di Sala (VE): Nicola Fragomeni

39. Sindaco di Scorzè (VE): Giovanni Battista Mestrinier

40. Sindaco di Spinea (VE): Silvano Checchin

41. Sindaco di Strà (VE): Caterina Cacciavillani

42. Sindaco di Teglio Veneto (VE): Andrea Tamai

43. Sindaco di Torre di Mosto (VE): Giannino Geretto

44. Sindaco di Venezia (VE): Luigi Brugnaro

45. Sindaco di Vigonovo (VE): Andrea Danieletto

 

Ai sensi dell'art.8 comma 1 della Convenzione Costitutiva, il Sindaco può delegare la rappresentanza in Assemblea di Bacino. Nelle more dell’adozione del Regolamento per il funzionamento degli Organi del Consiglio di Bacino, è stata prevista la possibilità per ciascun legale rappresentante degli Enti del Bacino di delegare volta per volta alla partecipazione in Assemblea:

  • un Assessore o un Consigliere Comunale del Comune di appartenenza;
  • il Segretario Generale o un dipendente del Comune di appartenenza ;
  • una persona esterna all’Amministrazione, ivi compresi altri Sindaci, e/o loro delegati, già legittimati a partecipare all’assemblea per conto di altro Ente

Competenze

Rientrano nelle attribuzioni dell'Assemblea i seguenti atti fondamentali:

  1. elezione del Comitato di Bacino;
  2. elezione del Presidente scelto tra i componenti l’Assemblea;
  3. nomina del Direttore;
  4. approvazione dello schema di Regolamento per il Funzionamento degli Organi e della Struttura operativa del Consiglio di Bacino, che potrà essere articolata in Aree territoriali;
  5. approvazione della programmazione del servizio integrato di gestione dei rifiuti definita sulla base della quantificazione della domanda di servizio e determinazione della sua articolazione settoriale e territoriale;
  6. individuazione ed attuazione delle politiche e delle strategie volte ad organizzare il servizio di raccolta, trasporto, avvio a smaltimento e recupero dei rifiuti urbani, per il conseguimento degli obiettivi previsti dalla normativa europea, nazionale e regionale;
  7. approvazione delle modalità organizzative del servizio integrato di gestione dei rifiuti e affidamento del medesimo al gestore in conformità alla normativa vigente;
  8. approvazione della convenzione regolante i rapporti tra il Consiglio di Bacino ed i gestori del servizio integrato di gestione dei rifiuti;
  9. approvazione del Piano Finanziario complessivo del Bacino, che aggrega i Piani Finanziari dei singoli Comuni partecipanti, proposti dal Gestore d’intesa con le Amministrazioni Comunali rispettivamente competenti;
  10. determinazione dei livelli di imposizione tariffaria del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani ai sensi dell’art. 3 comma 6 della L.R. n. 52/2012, previo parere vincolante delle Amministrazioni Comunali, per quanto di competenza dei rispettivi territori, ferme restando comunque le competenze di legge in materia di tributo TARI in capo alle Amministrazioni stesse;
  11. approvazione dei bilanci previsionali e consuntivi del Consiglio di Bacino;
  12. proposizione alla Giunta Regionale di eventuali modifiche dei confini del bacino territoriale di gestione;
  13. individuazione degli obiettivi di raccolta differenziata e delle relative modalità attuative, eventualmente articolati per aree territoriali omogenee, al fine del raggiungimento delle percentuali di cui all’articolo 205 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
  14. formulazione delle osservazioni sugli strumenti di pianificazione regionale in tema di gestione dei rifiuti di cui all’articolo 10 della Legge Regionale 21 gennaio 2000, n. 3, ai sensi dell’articolo 199, comma 1, del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, anche ai fini della realizzazione degli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti urbani;
  15. vigilanza sulla corretta erogazione del servizio da parte del gestore;
  16. ulteriori attribuzioni previste dalla presente Convenzione.

 

L'Assemblea è validamente convocata quando siano presenti almeno la metà più uno degli aventi diritto, calcolati sia in termini numerici che di rappresentanza (art. 10, c. 1 della Convenzione Istitutiva).

 

 

ultimo aggiornamento 30/06/2017